Advertisement

OPPIC Newsletter

Iscriviti alla newsletter per assere sempre aggiornato sulle novità dell'Osservatorio.







OPPIC Download

Scarica la locandina:  PDF
Scarica la brochure:  PDF

Chi e' online

Abbiamo 1 visitatore online

Commercio Elettronico

oppic-marchio-certificazione-qualita.jpg


Marchio di qualità
per il commercio elettronico

L’Osservatorio ha curato  la realizzazione di un apposito marchio di qualità che certifica il rispetto, da parte delle imprese pugliesi impegnate nel settore del commercio elettronico e dell’e-business continua

In Evidenza

libro-diritto-delle-nuove-tecnologie.jpg

L'Osservatorio O.P.P.I.C. ha pubblicato, per Cacucci Editore, il libro dal titolo: Diritto delle nuove tecnologie.

Dettagli

Cacucci Editore


Social Network

oppic-socialnetwork-facebook.jpg
oppic-socialnetwork-youtube.jpg

Siamo anche su Facebook e Youtube. Segui l'attività di O.P.P.I.C. sui social network

Oppic è su Facebook

Oppic Puglia Oppic

Crea il tuo badge
vota per il
software libero! (banner)

Diritto Comparato dei Media
Quanto è digitale il vostro paese? Nuovi dati verso un'Europa digitale PDF Stampa E-mail
News ed Eventi - News dal Mondo Digitale
mercoledì 25 febbraio 2015
Sono innumerevoli le opportunità digitali in attesa di essere sbloccate a vantaggio dei cittadini e delle imprese europei. Dagli acquisti allo studio online, al pagamento delle bollette o all'utilizzo di servizi pubblici: internet è la risposta, ma alle giuste condizioni. Sono queste le conclusioni del nuovo indice dell'economia e della società digitali messo a punto dalla Commissione europea e pubblicato oggi. I dati dimostrano che all'interno dell'UE la digitalizzazione dei paesi non è uniforme e che i confini nazionali continuano a rappresentare un ostacolo a un vero e proprio mercato unico digitale, una delle priorità fondamentali della Commissione Juncker. Il nuovo strumento presentato oggi fornisce un'istantanea, per ogni paese, della connettività (quanto è diffusa, rapida e accessibile la banda larga), delle competenze internet, dell'utilizzo delle attività online, dai notiziari agli acquisti, dello sviluppo delle principali tecnologie digitali (fatture elettroniche, servizi di cloud, commercio elettronico, ecc.) e dei servizi pubblici digitali quali i servizi di amministrazione e sanità elettroniche. I dati si riferiscono principalmente al 2013 e al 2014 e forniscono una panoramica sul livello di digitalizzazione dell'Europa, comprese le classifiche dei principali protagonisti digitali. L'indice dell'economia e della società digitali ha rilevato quanto segue: - L'esperienza digitale dipende dal paese in cui si vive – i risultati variano infatti dai principali protagonisti digitali come la Danimarca (con un punteggio di prestazione digitale pari a 0,68 su un massimo di 1) fino ai paesi con le prestazioni più basse come la Romania (con un punteggio pari a 0,31). I dettagli sono indicati nelle schede sui singoli paesi. - La maggior parte dei cittadini europei usa internet regolarmente: il 75% nel 2014 (il 72% nel 2013), con percentuali che variano dal 93% del Lussemburgo al 48% della Romania. - I cittadini europei desiderano accedere a contenuti audiovisivi online: il 49% degli utenti europei di internet ha utilizzato o scaricato giochi, immagini, film o musica. Il 39% dei nuclei familiari che possiedono un televisore guarda video su richiesta. - Le piccole e medie imprese (PMI) incontrano difficoltà nel commercio elettronico: solo il 15% delle PMI vende online e meno della metà di questa percentuale vende all'estero. - I servizi pubblici digitali sono una realtà quotidiana in alcuni paesi, ma quasi inesistenti in altri: il 33% degli utenti europei di internet ha utilizzato formulari online per inviare informazioni alle autorità pubbliche, con percentuali che variano dal 69% della Danimarca al 6% della Romania. Il 26% dei medici di famiglia in Europa utilizza prescrizioni elettroniche che vengono trasferite ai farmacisti tramite internet, con percentuali che variano però dal 100% in Estonia allo 0% a Malta. Andrus Ansip, Vicepresidente responsabile per il Mercato unico digitale, ha dichiarato: "Questi dati dimostrano che l'Europa sta diventando digitale e che i cittadini europei godono di nuovi, eccellenti servizi. La stragrande maggioranza degli europei usa internet: i cittadini desiderano accedere a contenuti online e noi dobbiamo facilitare quest'accesso. Un mercato unico digitale può offrire loro un accesso più ampio, aiutare le imprese a innovare e a crescere e rafforzare la fiducia nei servizi online quali l'amministrazione elettronica o i servizi bancari via internet. La Commissione europea farà in modo che questo accada." Günther H. Oettinger, Commissario responsabile per l'Economia e la società digitali, ha dichiarato: "L'indice digitale dimostra come siano radicalmente cambiate le modalità con cui si guardano i film: le persone guardano ancora le serie preferite in televisione, ma un numero considerevole, pari al 40%, guarda anche video su richiesta e film online. Dobbiamo adattarci alle esigenze dei cittadini e pensare di adeguare la nostra strategia."  L'indice digitale è particolarmente rilevante dato che la Commissione europea sta elaborando la propria strategia per il mercato unico digitale, che sarà presentata nel mese di maggio. La strategia mira a creare le condizioni adeguate affinché le imprese e i cittadini europei facciano un uso migliore delle grandi opportunità offerte dalla tecnologia digitale al di là dei confini nazionali. Con la creazione di un mercato unico digitale nei prossimi cinque anni l'Europa potrà generare fino a 250 miliardi di euro di ulteriore crescita e centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro. L'indice è reperibile qui http://europa.eu/rapid/press-release_IP-15-4475_it.htm
Fonte: Commissione europea
 
< Prec.   Pros. >
             Home              Chi Siamo              Attività              Progetti              Documentazione              Video              Cerca              Site Map              Contattaci             
Creative Commons License
Questa opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.